Pillole di Coaching #11. Costruire un corretto piano d’azione

Reading Time: 2 minutes

Trovi il podcast su SPREAKER, SPOTIFY, GOOGLE PODCASTS e APPLE PODCASTS 

Come visto nei podcast precedenti, dopo una Visione chiara data da un Perché concreto e profondo; adesso che hai pensato ai tuoi Obiettivi, devi predisporre un corretto piano d’azione.

Sapevi che – statisticamente – la percentuale delle persone che realizzano i propri obiettivi nella vita è inferiore all’1%?

Pazzesco vero?

Secondo te quali potrebbero essere i motivi di una così elevata percentuale di fallimenti?

L’improvvisazione?

La fretta?

Aspettative troppo elevate?

Scarsa preparazione?

Stato d’animo non idoneo al momento della decisione?

Tutto questo, di sicuro, ma anche un piano d’azione assente o fatto male!

Personalmente, quando predispongo un piano d’azione che mi porti a raggiungere un obiettivo specifico, mi pongo sempre una serie di domande.

Te ne propongo qui alcune, quelle per me più importanti, e dalle quali non so deve prescindere:

1) Quali azioni devo portare a termine per raggiungere il mio obiettivo?

2) Quando porterò a termine ognuna delle azioni elencate al punto 1)?

3) Chi mi aiuterà lungo il percorso?

4) Come posso misurare i progressi fatti?

5) Quali alternative possono aiutarmi?

Certamente queste non sono le uniche domande da porsi quando si delinea un piano d’azione, ma sono – secondo me – tra le più importanti e non dovrebbero MAI restare senza una risposta.

Un piano d’azione ben dettagliato è di vitale importanza per poter raggiungere i risultati a ci si ambisce.

Deve essere: scritto, verificabile, con date certe e prevedere anche un piano B, ovvero delle valide alternative nel caso in cui qualcosa non funzionasse con le scelte primarie.

L’aiuto di un coach preparato per predisporre in modo corretto il tuo piano d’azione potrebbe fare la differenza e supportarti per entrare a far parte del club di quell’1% delle persone che ce la fanno!

Ci hai mai pensato?

Scrivimelo nei commenti 

Massimiliano