Carta termica senza segreti

Reading Time: 2 minutes

Si tratta del primo libro scritto in Italia su un tema così particolare com’è quello della carta termica.

Se hai visto qualcuno (per esempio in Autogrill) segnarla con un’unghiata e non sai perché può farlo; se non hai potuto scaricare lo scontrino della farmacia nella dichiarazione dei redditi; se non ti si legge più l’abbonamento del treno o dell’autobus, ti sei posto alcune domande.

Perchè svanisce la scritta stampata?

Da dove viene?

Come si produce?

Come funziona?

Quali e quante applicazioni la utilizzano?

Quali sono le normative che la controllano?

Fa male alla salute?

Quali sono i canali in cui viene commercializzata?

Perché è così importante saperne di più?

Che futuro ha rispetto alla digitalizzazione?

I temi sono quelli del blog, ma ho provato ad approfondire alcuni punti e a chiarirne ancor meglio degli altri.

Basandomi sulla mia esperienza, ho inserito alcune particolari tecniche di vendita che mi hanno permesso di ottenere risultati importanti nella mia precedente attività di venditore di prodotto finito (rotoli ed etichette) per le più importanti aziende del settore in Italia e in Europa.

Inoltre ho voluto inserire un commento finale sull’attuale DEF 2019, in cui si parla anche di scontrini e ricevute (non sempre con esatta cognizione di causa, soprattutto da parte di chi lo ha commentato).

Infine ho avuto l’opportunità di inserire i punti di vista e le idee di alcuni riconosciuti professionisti del settore, che hanno voluto offrire il loro prezioso, anzi fondamentale contributo.

Insomma, spero di aver contribuito a creare un utile strumento che permetta di conoscere meglio la carta termica, ovvero un oggetto che abbiamo tutti in tasca ogni giorno, ma che ancora non conosciamo abbastanza bene.

Lo puoi acquistare su Amazon da questo link.

Esiste anche la versione in Inglese: “Thermal paper revealed”
Now available on Amazon here:
https://amzn.to/2ms6mgA

L’obiettivo è quello di far cultura su uno strumento che abbiamo tutti in tasca ma che nessuno – a parte gli addetti ai lavori – conosce davvero.