Adesso, buyology for a Coronavirus World – Martin Lindstrom

Reading Time: 2 minutes

Adesso, ripensare vita e lavoro in un mo(n)do diverso è un libello pubblicato la scorsa estate da un certo Martin Lindstrom, non uno qualunque, e ci spiega molte cose sui cambiamenti in atto in questi mesi.

Libello per le “sole” 63 pagine, ma se guardo al contenuto, allora è un altro paio di maniche.

Parola d’ordine? Cambiamento (e come affrontarlo).

Ogni generazione della storia umana ha avuto a che fare con qualche elemento di rottura: di solito guerra e pestilenze; quindi perché la nostra, che esce dal più lungo periodo di pace relativa, avrebbe dovuto privarsene?

E ogni elemento di rottura incontrato ha costituito un nuovo MARCATORE SOMATICO, riprendendo Antonio Damasio.

Esempio: sono sicuro al 100% che ricordi perfettamente dov’eri e cosa stavi facendo l’11 settembre 2001.

Due giorni dopo cos’hai mangiato a cena?

Quasi sicuramente non lo ricordi. No, non è un problema: il nostro cervello (l’amigdala, nel caso specifico) in certi casi – quando scatta la paura – attiva dei meccanismi definiti appunto marcatori somatici.

E’ come se fosse l’impronta pressoché indelebile che l’evento pauroso ha lasciato in noi.

Non solo quelli paurosi, in verità, ma comunque quelli negativi hanno la tendenza a prevalere perché strettamente collegati con la sopravvivenza.

La paura sta prendendo il sopravvento, di questi tempi è innegabile: stavamo così bene nella nostra routine, correndo come criceti in gabbia, respirando aria sempre più inquinata.

E invece arriva il Covid-19 a rompere le uova nel paniere!

Quasi quasi vien da pensare che ce ne fosse bisogno perché l’umanità si desse una svegliata dal torpore in cui era caduta…

Sono ironico, ma forse non del tutto!

Martin Lindstrom, che di professione fa il traghettatore di grandi aziende (Maersk, per nominarne una…) verso il cambiamento, analizza l’impatto che il Coronavirus sta avendo su noi umani.

Ma il vero contributo offerto in queste poche e ricchissime pagine – a mio modesto parere – è nei suggerimenti che offre agli imprenditori affinché possano il più velocemente possibile attivare politiche innovative che, ci si augura, saranno dei veri e propri salvavita per le aziende.

Ci sono idee ed esempi pratici basati su esperienze reali, ma soprattutto c’è voglia di migliorare la qualità umana di chi fa impresa: in una società che affronta il virus con la tecnologia e il distanziamento, solo accrescendo l’empatia si potrà sopravvivere e tornare a prosperare.

Ci vorrà coraggio per superare la paura, tanto coraggio…

Massimiliano