Confermato: la Legge di Attrazione non funziona! Ecco perchè
You cannot copy content of this page
Creare il proprio futuro con l'autoimprenditorialità.

Confermato: la Legge di Attrazione non funziona! Ti rivelo il perchè…

Della Legge di Attrazione se n’è parlato e se ne parla moltissimo: spesso senza conoscerne i dettagli, senza aver letto abbastanza (oltre al solito “The Secret”)…

Quando ho cominciato a interessarmi all’autoimprenditorialità e all’economia collaborativa, una delle prime letture che mi è stata consigliata è stato proprio “The Secret” di Rhonda Byrne.

Assetato di conoscenza com’ero, l’ho letto, ho visto il film, poi ho cercato altri libri sul genere esplorando molta letteratura – praticamente tutta americana – per approfondire il più possibile un tema così affascinante.

Immaginare – per un totale inesperto di imprenditoria com’ero io oltre 10 anni fa – che una forte volontà fosse di per se sufficiente a farmi ottenere benessere e libertà finanziaria, non mi pareva vero.

Lo so, può apparire perfino naif, anche un po’ da fessi se vogliamo, ma ammetto di esserci cascato in pieno.

OK, hai finito di ridere di me adesso???

Grazie.

Ammetto di essermela cercata, ma sono sicuro che è quello che accade a migliaia di persone ogni giorno: non hai esperienza, ti fidi di chi ti consiglia di provare con la Legge di Attrazione, non vedi l’ora di cambiare vita e…

… niente!

Nulla cosmico!

Eppure ci pensavo davvero molto intensamente e in ogni momento della giornata: ma com’è che l’Universo non ha lavorato per me e non mi ha fatto ottenere la tanto agognata libertà finanziaria?

Cosa ho fatto io di male per non meritarmi il benché minimo risultato?

Giuro che io nella Legge di Attrazione ci credevo davvero.

Ma che bel pirla che sono stato, un credulone di dimensioni cosmiche (appunto!). 😳

Che fare? Non sono uno che si lamenta troppo, e nemmeno uno che si arrende facilmente.

Devo capire, ho questo brutto vizio…

Parlo col mio mentore di allora, che purtroppo non aveva ancora molta esperienza in materia (ma aveva i risultati che anch’io avrei voluto, poi ho scoperto perché); cerco spiegazioni da altre persone con maggiore esperienza, ma soprattutto ho – per fortuna – deciso anche di spostare il tiro delle letture su altri filoni della crescita personale.

Così mi sono imbattuto in Dale Carnegie, Og Mandino, Tony Robbins, Roberto Re, Frank Merenda, Jim Rohn, Brian Tracy, Napoleon Hill, Robert Kiyosaki, Sebastiano Zanolli, Al Ries, James Canfield, Rich DeVos, Darren Hardy, M.J. DeMarco, Lucia Giovannini, Robin Sharma, Paul McKenna, J. Clement Stone, Larry Winget, David J. Schwartz, John C. Maxwell, Daniel Goleman, David Allen, Wayne W. Dyer, Adam Grant, Piernicola Di Maria, Tony Buzan, James Allen, Paul Zane Pilzer, Seth Godin e qui mi fermo ma ce ne sarebbero ancora molti altri da citare (tutti in ordine rigorosamente sparso, ovviamente!).

Insomma, il Gotha della letteratura motivazionale, della crescita personale passata e presente, il meglio che c’è in ambito formativo: tutti pronti (e con milioni di copie di libri tradotti e venduti in tutto il Mondo) a condividere il loro sapere, la loro esperienza e le loro conoscenze con chi, come me, è affamato di nozioni da mettere poi in pratica per tirare fuori il meglio dalla nostra vita.

Di alcuni ho anche scritto delle recensioni che trovi in questa sezione del blog

Che cosa ho capito dopo tutte queste letture e le molte ore (notturne) passate su tutte quelle pagine? Semplice: la Legge di Attrazione – così come ci viene spesso presentata – NON ESISTE AFFATTO!

Ma (si, c’è un ma…) lei lavora lo stesso. No, no, non sono ubriaco; seguimi per favore.

Gli ultimi 100 anni della storia umana sono stati caratterizzati da moltissimi eventi e, tra questi, l’aumento della velocità e quantità in circolazione di informazioni si può dire che ha del sensazionale: si dice che le informazioni contenute oggi in un quotidiano siano il totale (come quantità) di quanto un uomo medio potesse venire a conoscenza in diversi mesi di vita all’inizio del secolo scorso.

Ti rendi conto? Sono un abisso di differenza!

Ma cosa c’entra con la Legge di Attrazione? Calma! Ci arriviamo presto.

Grazie alla disponibilità di informazioni, possiamo verificare e acquisire consapevolezza. Grazie all’immenso lavoro dei personaggi che ho citato (e dei molti altri che non ho citato), il tema dell’autoimprenditorialità è stato esplorato a fondo.

Una delle molte lezioni che se ne ricavano è che devi avere una forte motivazione – come un fuoco che brucia dentro – anche solo per decidere di iniziare qualcosa che sia unicamente TUO. L’ho già detto QUI.

Bene, è venuto il momento di rivelarti il segreto (secondo me) che sta dietro la Legge di Attrazione.

Pronto?

… … …

Avviare la tua impresa, qualunque essa sia, non sarà mai facile (ok, lo sapevi già!).

Davvero vuoi avere qualcosa che sia unicamente TUO dal punto di vista professionale? Lo vuoi con tutte le tue forze? Ogni cellula del tuo corpo vibra all’idea di realizzare ciò che hai in mente? Hai chiaro cosa ti motiva a fare ciò che vuoi fare? Lo hai messo nero su bianco con una data vicino?

Se hai risposto SI a tutte queste domande, allora DEVI passare all’azione, formarti mentre agisci e non fermarti più.

Quello che farai ogni giorno – OGNI GIORNO – per il tuo obiettivo, ti porterà a raggiungerlo: senza indugi, senza fermate, guardando avanti e superando gli ostacoli che inevitabilmente si presenteranno.

Non ti fermeranno i problemi, non ti fermeranno le opinioni negative (chi critica non fa, chi fa non ha tempo per criticare), non ti fermeranno i momenti difficili. Darren Hardy spiega che ci sono 5 categorie di persone: spettatori, chi molla, chi ascolta e basta, chi fa e chi ottiene (achievers).

Questi ultimi sono solo il 3% di chi ha iniziato.

Il 3%.

Ora, se conosci qualcuno che sta in questo 3%, chiedi se per lui/lei la Legge di Attrazione funziona o no.

Non so se mi sono spiegato 😉

seguici sui social network. grazie!
error
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial