“Chissà se va”: Raffaella Carrà cantava l’auto-imprenditorialità nel 1971.

Reading Time: 3 minutes

Chissa’ se va’
chissa’ se va’
chissa’ se va’
se va’
ma si che va’
ma si che va’
ma si che va’
che va’
e se va’ se va’ se va’
tutto cambiera’
forza ragazzi spazzola
e chi mi fermera’
chissa’ se va’
chissa’ se va’
chissa’ se va’
se va’
ma si che va’
ma si che va’
ma si che va’
che va’
se non va’ non va’ non va’
c’e’ una novita’
sai quanto me ne importa
che me ne importa a me
per una che va’ storta
una dritta c’e’

il brodo e’ tanto buono ma
se non c’e’ il prezzemolo
ma che sapore ha
la vita e’ tanto bella ma
se non ci sta’ il coraggio
non e’ saporita
senza un po’ di guai
meglio un capitombolo
che non provarci mai
restare fermi non si puo’
mi butto nella mischia
seguitemi un po’
popopo
popopo
popo popo
chissa’ se va’
chissa’ se va’
chissa’ se va’
se va’
ma si che va’
ma si che va’
ma si che va’ che va’
e se va’ se va’ se va’
tutto cambiera’
forza ragazzi spazzola
e chi mi fermera’
chissa’ se va’
chissa’ se va’
chissa’ se va’
se va’
ma si che va’
ma si che va’
ma si che va’
che va’
se non va’ non va’ non va’
c’e’ una novita’
sai quanto me ne importa
che me ne importa a me
per una che va storta
una dritta c’e’

il brodo e’ tanto buono ma
se non c’e’ il prezzemolo
ma che sapore ha
la vita e’ tanto bella ma
se non ci sta’ il coraggio
non e’ saporita
senza un po’ di guai

meglio un capitombolo
che non provarci mai
restare fermi non si puo’
mi butto nella mischia

chissa’ se va’

Durante le vacanze natalizie appena trascorse, dopo l’ennesima corsa di allenamento per la prossima Maratona di Milano, mi sono ritrovato a cantare questa canzone sotto la doccia – da bravo italiano! 😉

Avevo solo 5 anni quando la mitica Raffaella cantava la sigla di Canzonissima, la trasmissione che immancabilmente in casa nessuno si sarebbe mai perso al sabato sera.

Era l’unico motivo per cui potevo andare a letto ben più tardi che dopo il Carosello!

Beh, ricantandola sotto la doccia, a parte sentire la disperazione dei miei figli che mal sopportavano le mie evidenti stonature, mi si è accesa una lampadina: questa canzone è perfetta!

e se va’ se va’ se va’tutto cambiera’forza ragazzi spazzolae chi mi fermera’. 

Queste parole sono un incitamento a non arrendersi, perché se “la cosa” funziona, chi ci ferma più?

se non va’ non va’ non va’c’e’ una novita’sai quanto me ne importache me ne importa a meper una che va’ stortauna dritta c’e’. 

Non perderti d’animo di fronte agli insuccessi perché se non ti arrendi vedrai che presto riuscirai.

il brodo e’ tanto buono mase non c’e’ il prezzemoloma che sapore hala vita e’ tanto bella mase non ci sta’ il coraggionon e’ saporitasenza un po’ di guaimeglio un capitomboloche non provarci mairestare fermi non si puo’mi butto nella mischiaseguitemi un po’.

La vita è più bella con degli imprevisti e/o elementi di “rottura” (il prezzemolo), meglio un fallimento che non averci mai provato; non ci si può accontentare, meglio provarci, almeno e vedere chi ci segue.

Questi concetti sono talmente cari alla crescita personale che si trovano ripetuti in mille salse differenti, ritornano in continuazione nei discorsi motivazionali (quelli seri come quelli improvvisati dai ciarlatani da social media) e sono il mantra dei molti che hanno deciso di mettersi in gioco: nella professione, nelle relazioni, nello sport, nella vita insomma.

La cosa che più mi piace di questa canzone però è che certe idee ti vengono presentate in modo “scanzonato” (ops!) cioè con un ritmo e una melodia che nulla hanno a che vedere con l’importanza e il valore che possono avere nella vita di una persona.

Per fare un parallelo, penso all’inno di Mameli (Il Canto degli Italiani): concetti importanti come la Patria, la Fratellanza, l’Unità, il Servizio, la Morte vengono offerti all’ascoltatore con una melodia e un ritmo allegri e quasi “leggeri”, in contrapposizione all’importanza delle parole.

Eppure l’inno Italiano è uno dei più apprezzati e meno “sonnolenti” tra gli inni dei Paesi di tutto il Mondo.

Sarebbe bello se “Chissà se va” diventasse in qualche modo un inno alla motivazione, all’auto-imprenditorialità, all’iniziativa, al non rinunciare per paura di sbagliare.

E tu che ne pensi?

Forza ragazzi, spazzola!

Massimiliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *